venerdì 28 giugno 2013

Agenda letteraria

Agenda letteraria


"per il suo coraggio e l'ingegnosa ripresentazione dell'arte drammatica e teatrale",
con questa motivazione, cari amici, oggi 28 Giugno, la nostra agenda letteraria ricorda la nascita di uno scrittore che ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura, e rappresenta uno dei più grandi letterati della letteratura contemporanea italiana, Luigi Pirandello. Questo scrittore, agli inizi del secolo scorso a creato una vera e propria rivoluzione all’interno del teatro e del romanzo, tanto da creare una corrente stilistica che mostra gli effetti delle sue innovazioni attraverso i personaggi, che guardano la realtà dei fatti con l’umorismo che li porta a ridere delle proprie sventure ma allo stesso tempo a riflettere sulla situazione in cui si ritrovano come un diavoletto della memoria che continua a ricordargli come sono realmente perché l’umorismo li ha smascherati lasciandoli nudi sotto gli occhi di tutti e la riflessione non è altro che la consapevolezza dello stato in cui si trovano.
  Vi lascio con un passo di Uno, nessuno centomila, e un omaggio a questo scrittore che ci ha fatto rendere conto che al mondo siamo uno e centomila, in pratica nessuno.
“Era proprio la mia quell’immagine intravista in un lampo? Sono proprio così, io, di fuori, quando – vivendo – non mi penso? Dunque per gli altri sono quell’estraneo sorpreso nello specchio: quello, e non già io quale mi conosco: quell’uno lì che io stesso in prima, scorgendolo, non ho riconosciuto. Sono quell’estraneo che non posso veder vivere se non così, in un attimo impensato. Un estraneo che possono vedere e conoscere solamente gli altri, e non io”.
video

0 commenti: