mercoledì 10 luglio 2013

Top Secret

« Gaetano Badalamenti lo diceva: "chisti su consumati e vonnu consumare a tutti" e non si sbagliava. »

dichiarazione di Gasparino, alias Gaspare Mutolo al processo contro Salvatore Riina
 Cari amici, siamo giunti al nostro momento “Top Secret”, dove andremo a parlare di Gaspare Mutolo, un criminale mafioso, che è diventato un collaboratore di giustizia nel 1993. La sua vita iniziata da meccanico ha una svolta quando nel carcere ha conosciuto Toto Riina che lo ha raccomandato a Salvatore Riccobono, così diventa il loro braccio destro, e con questo salto di qualità, passa dai piccoli furti per cui è finito in carcere a sicario e trafficante di droga, grazie anche all’incontro, durante uno dei suoi arresti con Koh Bak Kin, il noto trafficante del sud est asiatico, che gli spiana la strada. Nello stesso modo entra anche nella cerchia di Luciano Liggio. Il forte legame con il Capo dei Capi gli salva la vita nel 1982, dalla mattanza dei Riccobono, ma viene coinvolto nel maxi processo portato avanti da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino per il quale riceve la condanna a 16 anni di reclusione. In seguito alla mattanza portata avanti dalle cosche, anche contro donne e bambini, durante la sua condanna del 1991, che lo fa entrare in contatto con i due più carismatici magistrati della storia, favorisce la sua collaborazione, rendendolo insieme a Tommaso Buscetta uno dei grandi pentiti, soprattutto dopo la morte di Falcone, inizia a rilasciare dichiarazioni su dichiarazioni, prima a Borsellino e poi a Vigna, sui ruoli di Lima, Andreotti, Conti, Barreca, Mollica, D'Antoni e Signorino e Contrada.
La sua storia, le sue affermazioni, sono oggi giunte finalmente in libreria con il titolo di La mafia non lascia tempo, edito dalla Rizzoli a soli 15,00 € e in ebook 9,99 €, dove annuncia: "Ho paura che ci sarà una stagione più violenta di quella del '92-93." 
Autore: Gaspare Mutolo Anna Vinci
Titolo: La Mafia non lascia tempo
Editore: RIZZOLI
Collana: SAGGI
Pagine: 216
Prezzo: 15,00 ebook 9,99 euro
Anno prima edizione: 2013
Dopo il libro “Gaspare Mutolo. Confessioni di un  boss” di Valeria Scafetta edito dalla Riuniti, il libro, scritto da Gaspare Mutolo, in collaborazione con Anna Vinci è diventato un caso, letterario che non può essere lasciato perdere, come questa interessante intervista rilasciata a Sandro Ruotolo ad Anno Zero, nel 2010.
video
 Lo sapevate cari amici che, questo super pentito, ha messo definitivamente da parte la lupara, per imbracciare i pennelli, infatti la pittura scoperta in carcere, diventa la sua passione, tanto che è stato un pittore apprezzato dal grande capo di Corleone che gli ha commissionato dei quadri, ora le sue opere sono state messe in esposizione in una mostra che è stata realizzata a Roma nel mese di Gennaio, naturalmente tra critiche e polemiche. Ma come è nato questo amore per la pittura?
 L'amore per l'arte nacque dalla noia, così afferma in una intervista in cui dice che: “Le giornate in carcere non passavano mai. La pittura ti faceva sentire meno pesante la detenzione e poi un mafioso che dipingeva, all'esterno, veniva visto come una persona diversa”.
Particolare di un quadro di Mutolo

0 commenti: