domenica 21 luglio 2013

Donne letterarie, Chi può misurare il fervore e la violenza del cuore di un poeta quando questo si trova prigioniero e intrappolato nel corpo di una donna? Virginia Woolf

Non ho mai conosciuto nessuna creatura al mondo che amasse tanto scrivere
  Questa affermazione, fatta  dallo scrittore Edward Morgan Forster, è rivolta alla grande scrittrice inglese Adeline Virginia Stephen Woolf, o semplicemente Virginia Woolf la musa ispiratrice di questa rubrica, “Donne letterarie” ,  che dopo aver parlato di alcune scrittrici del nostro tempo, come la coraggiosa giovane Amani El Nasif, che ha trovato la forza di scrivere la sua storia, nel suo libro “Siria, mon amour” ergendosi a testimonianza della misera condizione della donna, che purtroppo ancora oggi è precaria in alcuni Paesi del mondo, ora ritorna sui suoi passi per rendere omaggio alla scrittrice che con le sue opere letterarie e la sua conoscenza culturale è stata presa come modello dal primo e dal secondo femminismo, il quale è stato anche il primo momento politico di critica storica alla famiglia e alla società. Virginia era una donna, ma soprattutto una grande letterata, infatti non solo il padre ma anche tutta la sua famiglia, è stata il centro culturale della Londra del tempo, con un circolo intellettuale “Bloomsbury Group” che hanno formato dopo la morte del padre, quando ha iniziato a scrivere  per il supplemento letterario del “Times”. Qui, fa conoscenza con importanti intellettuali, tra cui Bertrand Russell, Edward Morgan Forster, Ludwig Wittgenstein e conosce anche il marito Leonard Woolf, un teorico della politica, che anche dopo il matrimonio sostiene e incoraggia la passione della moglie, soprattutto durante i suoi momenti di fragilità. È così che nascono le famose “serate del giovedì”, riunioni alle quali partecipano intellettuali di rilievo per parlare di politica, lettere e arte. E' in questo piacevole ambiente letterario che decide di dare ripetizioni alle operaie, e scrive il suo primo romanzo, ma la delusione delle case editoriali la spinge nell’abisso e così il marito l’aiuta, con la fondazione di una casa editrice, tutta per lei, la “Hogarth Press”, dove vedranno la luce oltre alle sue opere anche quelle di scrittori come: Katherine Mansfield, Italo Svevo, Sigmund Freud, Thomas Stearns Eliot, James Joyce.
  Nei confronti della letteratura, la presa di posizione della nostra amata scrittrice si deve al suo profondo amore per essa e per la scrittura, perché nel suo tempo, le donne non godevano di una buona posizione in questo ambiente, infatti nelle sue opere e nelle sue conferenze, precisa come la maggior parte di loro sono state da sempre ostacolate nelle loro ambizioni letterarie a causa dei pregiudizi sia sociali che politici, e nonostante la profonda cultura e la fornitissima biblioteca di famiglia a cui il padre le ha dato accesso, sottolinea come lei stessa, ha ricevuto un'educazione frammentaria, a differenza dei fratelli, perché la rigida società vittoriana nella quale vive, non permette alle ragazze di frequentare nessun istituto scolastico pubblico, dato che l’accesso è consentito solo ai maschi. A salvarla dalla completa ignoranza è stata la madre che le ha impartito lezioni di latino e francese, e il padre che ha assecondato la sua fame di cultura e sapere, poiché ha notato il suo grande talento, ma nonostante ciò è rimasta segnata nell’animo da questa ingiustizia, e quando nell’Ottobre del 1928, le viene chiesto di partecipare a due conferenze, in cui è stata invitata a parlare del tema: Le donne e il romanzo, da sfogo alla sua frustrazione e scrive le sue riflessioni sull’universo femminile e la creatività letteraria, che hanno dato vita a un vero e proprio manifesto sulla condizione femminile dalle origini ai giorni nostri, che ripercorre il rapporto donna-scrittura dal punto di vista di una secolare esclusione, giudicata attraverso il rigore storico e la profonda passione per la letteratura  e racchiude tutto nel suo saggio, “Una stanza tutta per sé”, dove scrive:
  "La sola cosa che potevo fare era offrirvi un punto di vista: se vuole scrivere romanzi, la donna deve avere del denaro e una stanza tutta per sé".
 Questo, è uno dei messaggi che la nostra scrittrice lascia nel suo libro, dove elenca le condizioni per poter essere una scrittrice, soldi per poter pubblicare i suoi lavori, del cibo adeguato e una stanza tutta per sé, perché è impossibile scrivere in cucina, tra tanta gente che parla rumorosamente. Il risultato è stato giudicato come un vero e proprio manifesto che ha ispirato i movimenti femminili, che l'ha resa famosa come l’ideatrice e modello del primo e del secondo movimento.
 “Finché scrivete ciò che volete scrivere, questa è la sola cosa che conta: e se conti per un giorno o per un’eternità nessuno può dirlo”
Dettagli del libro
Editore Einaudi
Edizione 2006 - Testo inglese a fronte
Collana ET Classici
Pagine pp. XL - 238
Prezzo € 12,00
A cura di Maria Antonietta Saracino
Traduzione di Maria Antonietta Saracino
  “Quella donna dunque, nata nel cinquecento con il dono della poesia, era una donna infelice, una donna in lotta con se stessa. Tutte le condizioni della sua vita, tutti i suoi istinti, erano ostili a quello stato d'animo che è tuttavia indispensabile, se si vuole esprimere liberamente ciò che si ha nel cervello”.   
Dettagli del libro
Genere letteratura internazionale
Editore Feltrinelli
Collana Universale economica i classici
Ristampa 09/03/1992
Traduttori Adriana Bottini
Pagine 256
Prezzo € 8,00
    A 9 anni di distanza segue un altro saggio “Le tre ghinee”, che ha scosso le menti del tempo e fatto impazzire i vari movimenti femminili, perché la discussione ora si sposta sul tema della “differenza che la società pone fra uomo e donna”, e approfondisce  il ruolo dominante dell’uomo nella storia contemporanea. Ora, la nostra Virginia, da sfogo alle sue “Vampate d’ira”, come le ha definite lei; infatti scrive: “Le vampate d’ira sono utilissime per il mio libro”, queste sono nate dalle ingiustizie che ha dovuto subire nella sua vita per colpa della società e infatti non manca di sottolineare la discussione con il suo amico scrittore Edward Morgan Forster, che con noncuranza, le ha ricordato la sua impossibilità di entrare alla biblioteca di Londra perché è una donna. Questa, insieme a tutte le altre limitazioni, che l’hanno fatta ribollire, sono contenute in questo saggio, che è stato scritto nel 1938, un periodo particolare per la storia europea, quando le scintille del secondo conflitto mondiale iniziano a scoppiettare e la nostra autrice, immagina di ricevere tre lettere per una raccolta di fondi per prevenire la futura guerra, e le sue risposte, sono tre ghinee, una per ogni sua richiesta, ovvero la formazione di college femminili, dove si insegnano tutte le materie come nelle università maschili, una associazione per dare lavoro alle donne e la formazione di una associazione pacifista femminile, chiamata magari la “Società delle Estranee”, senza scopi di lucro, dove l’unica regola da seguire è l’astenersi dalla guerra e di rifiutare nel caso ci sia, di lavorare nelle fabbriche di armi o di fare da infermiere, come è successo nella grande guerra.
video
 La famosa critica letteraria, scrittrice, e traduttrice italiana, Nadia Fusini, ha dedicato la sua attenzione alla nostra amata scrittrice, e ha scritto una sua particolare biografia, dove le restituisce la voce attraverso una prosa poetica che come una musica armoniosa, forte e fragile come il cristallo, fa parlare la nostra Virginia, e rivela così non solo la sua forza, dove si erge da sola contro una società opprimente, ma anche la fragilità della sua anima e il canto melodioso delle sue opere, nel libro Possiedo la mia anima, edito dalla Mondadori, un’opera che consiglio a tutti, perché non è una classica biografia, ma si snoda come un meraviglioso racconto, dove la protagonista è lei l' unica e sola Virginia Woolf, una delle letterate più significative della letteratura internazionale.
Dettagli del libro
Editore: Mondadori
Titolo: Possiedo la mia anima. Il segreto di Virginia Woolf
Autore: Nadia Fusini
Collana: Scrittori italiani e stranieri
Pubblicazione: Aprile 2006
Pagine: 347
Formato: rilegato
Prezzo 17,00 €
video

0 commenti: