domenica 23 giugno 2013

Non abbiate paura, Mara Santangelo

Non abbiate paura …

  Cari amici, non abbiate paura…, come Mara, una donna, con una grande passione, forza e determinazione, qualità che hanno fatto di lei una campionessa del panorama tennistico internazionale, che dopo il suo ritiro annunciato nel 2011, a causa di un infortunio al piede, che l’ha messa a dura prova, è riuscita a rialzarsi dal suo grande dolore, grazie ad un viaggio  speciale per incontrare non solo la sua mamma, ma la mamma di tutti noi, che ha rinsaldato la sua fede e quelle doti che la caratterizzano e il risultato e una nuova sfida questa volta a colpi di penna, quindi ecco a voi la determinazione e la forza di una grande campionessa italiana: Mara Santangelo
Te lo prometto

Collana Religione
Editore Piemme
Serie Incontri
Rilegatura rilegato con sovraccoperta
Formato 13x21 cm
Pagine 196
Data di pubblicazione 19 febbraio 2013
Prezzo consigliato € 15,00 - ebook 9,99
  Scopriamo Mara, e vediamo come da grande tennista è diventata una testimonial della fede, che l’ ha fatta rinascere come scrittrice del suo meraviglioso libro biografico uscito in libreria il 19 Febbraio 2013.
Mara, è nata a Latina il 28 giugno del 1981, è stata una tennista professionista dal 1998 al 2010. Ha ricevuto la sua prima racchetta da tennis all’età di 5 anni, grazie ai genitori, che le hanno fatto scoprire la bellezza di questo sport, e con tanta passione, lavorando sodo, è riuscita all’età di 12 anni a essere convocata dal Centro Tecnico Federale entrando a far parte della squadra Nazionale fin dalle giovanili. Durante la sua carriera è riuscita a battere 4 top 10 player e vinto 9 tornei in singolare e 23 tornei in doppio.
Il primo grande successo lo raggiunge, nel 2004 agli Australian Open, dove, dopo aver passato le qualificazioni, è arrivata solo agli ottavi, perché si è confrontata da subito con la vincitrice del torneo e numero 1 al mondo Justine Henin, grazie a questa esperienza, è riuscita a vincere il WTA a Bangalore in India e l'anno successivo ha raggiunto la finale, insieme alla sua squadra, formata da altre grandi giocatrici come Francesca Schiavone, Flavia Pennetta, e Roberta Vinci, che hanno sconfitto il Belgio, vincendo la Fed Cup 2006.

http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Tennis/Primo_Piano/2007/06_Giugno/09/santangelo.shtml

  Nel 2007 ha vinto gli Internazionali d' Italia in coppia con Natalie Dechy, e si è guadagnata il Roland Garros in coppia con Alicia Molik. Mara Santangelo è stata anche la prima italiana a vincere un titolo del Grande Slam, e si è aggiudicata quattro vittorie di doppio nello stesso anno, ognuna con una partner diversa.

 Nel 2008, inizia il suo calvario a causa di un infortunio al piede sinistro che la costringe a saltare i tornei di preparazione all’Australian Open e il torneo stesso. Riesce a tornare in campo solo dopo 8 mesi, con la partecipazione alle Olimpiadi di Pechino del 2008, nonostante i problemi al piede si sono fatti risentire la campionessa ha cercato di continuare la sua carriera in attesa di un nuovo intervento, nel frattempo, si appassiona al Beach Tennis e il 6 settembre del 2009 si aggiudica i Campionati Europei. Dopo essersi sottoposta al delicato intervento e alla riabilitazione, la nostra grande tennista è costretta a fare i conti con la realtà della situazione, a malincuore nel gennaio del 2011 a Milano ha dovuto annunciare il suo ritiro definitivo dall'attività agonista. La rinuncia al suo grande sogno che stava per sfiorare con le dita, a cui ha dedicato ogni giorno della sua vita, che le ha dato forza, coraggio e determinazione a alzarsi sempre in piedi nonostante la fatica, il dolore, le lacrime solo per riuscire ad essere la migliore, la più grande al mondo, l’ha fatta precipitare in un baratro senza fondo, perché si sa, più alta è la cima da dove si precipita, più veloce e dura è la caduta. A salvare Mara è stata la luce di sua madre che le ha ricordato di una mamma speciale, la Madonna di Medjugorie che ha donato un nuovo paio di ali a questo angelo caduto che ha finalmente ripreso quota riacquistando la forza e la determinazione che le sono sempre appartenute e una nuova fede, che le ha fatto conquistare a colpi di penna un set decisivo, che farà urlare i suoi fan e incontrarne di nuovi.



Adesso, ecco a voi l'intervista alla nostra campionessa sulla esperienza che le ha cambiato la vita.
video

0 commenti: